giovedì 6 giugno 2013

Fruttone salentino

Dolce tipico salentino, il fruttone è l'evoluzione del più famoso pasticciotto. Stesso involucro di pasta frolla che, nel caso del pasticciotto, contiene crema pasticcera, mentre il fruttone ospita due strati, uno di marmellata ed uno a base di mandorle. Questa mia versione è rivisitata, per sostituire lo zucchero e i grassi eccessivi della preparazione originale.
Ho deciso di mettere, accanto agli ingredienti della mia ricetta, quelli della ricetta tradizionale per evidenziarne i cambiamenti. La differenza in carboidrati è di circa 10 g cho per porzione in meno nella mia ricetta; sui grassi c'è molta differenza nella quantità: 101 g di grassi la mia ricetta, contro i 203 g di grassi della ricetta originale; ma soprattutto nella qualità dei grassi: olio evo contro strutto.

72 g di cho circa per fruttone

Preparazione:
Unire la farina al cremor tartaro, aggiungere il malto di riso (1) e iniziare a impastare. Aggiungere anche l'olio, vi consiglio un extravergine salentino maturo e fruttato, ma di sapore delicato. Impastare fino a ottenere una frolla morbida (aggiungere pochissima acqua all'impasto se occorre), formare una palla (2) e lasciarla riposare a temperatura ambiente.
Intanto preparare la farina di mandorle tritando le mandorle spellate, io ho usato un macina caffè (3). Aggiungere alla farina di mandorle due cucchiai di miele e impastare (4).
Ungere e infarinare gli stampi (5). Quelli tipici per i fruttoni, come anche per i pasticciotti, sono quelli ovali. Stendere con un mattarello piccola quantità di pasta (6) per foderare gli stampi (7). Bucherellare il fondo della pasta frolla con una forchetta e formare uno strato di marmellata sul fondo, un cucchiaino pieno per ogni fruttone (8).
Sulla base di marmellata, formare uno strato con il composto di farina di mandorle e miele pressandolo bene (9). Coprire con altra pasta frolla facendo attenzione a far aderire bene i bordi altrimenti il fruttone si aprirà in cottura (10).
Infornare i fruttoni in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. Sfornare a lasciare raffreddare (11).
Intanto fondere il cioccolato fondente, preferibilmente senza zucchero, nel microonde alla minima potenza. Spalmarlo sulla superficie del fruttone e lasciare indurire (12).

I fruttoni si conservano anche fino ad una settimana a temperatura ambiente, ma non arriveranno neanche alla sera!


Impossibile non servire i fruttoni sui piatti salentini di Cutrofiano.

















20 commenti:

  1. Che dolcetti super golosi!!!

    RispondiElimina
  2. li adoro...e mi sembra anche un'ottima rivitazione!complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uscito molto più buono di quanto immaginassi! Grazie mille ;)

      Elimina
  3. Risposte
    1. :D grazie Elena, magari!! Però stavolta non immaginavo di ottenere questo risultato!

      Elimina
  4. Perbacco che ricetta golosa....recentemente ho provato un pasticciotto senza glutine e ne sono romasta molto soddisfatta, ma questa delizia lo batte! Complimenti!!! E llen

    RispondiElimina
  5. Ma che belli!! Bravissima, mi piace molto la tua interpretazione, io però voglio provare a rifarli seguendo la ricetta originale!
    Sai che l'estate scorsa ho passato le vacanze in Salento ma non ho mai visto i fruttoni? o_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma strano! Normalmente accompagnano i pasticciotti nelle vetrine delle pasticcerie! Beh, fammi sapere come vengono, il procedimento è lo stesso. Baci!

      Elimina
  6. Bravissima
    Che meraviglia
    Lo proverò senz'altro in versione gluten free.
    ;-)

    RispondiElimina
  7. Quanto sono golosi questi fruttoni! Complimenti!
    Mi piace molto il tuo blog e quindi ti ho citata nel mio post http://fragolaecannella.blogspot.it/2013/06/premio-dellamicizia-blogger.html. Spero ti faccia piacere!

    Un abbraccio

    Nina

    RispondiElimina
  8. Bellissimo vedere in che modo hai riadattato la ricetta! Grande davvero ;)

    RispondiElimina
  9. che gioiello di cugina che mi ritrovo!

    RispondiElimina
  10. che spettacolo di cugina che mi ritrovo!!!

    RispondiElimina
  11. wow mi piacciono molto questi dolci! grazie della tua splendida rivisitazione!

    RispondiElimina

Cosa ne pensate?